30.12.15

Divano

Volevo dirti che non succede quasi mai che io voglia condividere il divano e che oggi voglia condividerlo con te. Probabilmente in questo biglietto non ti avviserò di stare attento al perché abbia scelto di dire divano, ma ti ripeterò un’altra volta che oggi voglio condividerlo con te. Volevo anche chiederti se sei disposto ad aiutarmi a far sparire il mondo in una notte e a ricostruirlo insieme il giorno dopo, seduti sulle esili impalcature dei nostri sogni. Ecco, fammi sapere.

13.8.15

Cielo Te Cielo

Vorrei tornare a quando il futuro esisteva solamente se osservato in lontananza, un miraggio di luce rifratta sull'asfalto. Lo scrutavo insieme a te, ginocchia contro ginocchia, seduti sui gradini di ogni scala, i marciapiedi, i balconi accesi. Era così lontano il mio futuro. Preferivo di gran lunga guardare il cielo e poi te e poi il cielo e poi te, il cielo. Era così lontano il mio futuro. Ed io ero così innamorata.


5.6.15

Wabi Sabi

Credevo fossi la mia colonna, invece eri rovina. Ero convinta che, tutt'al più, ci saremmo sgretolati insieme.